Prima pagina

Commissione Europea e Commercio Elettronico

Ultime Posizioni

Il 12 marzo 2018, la Commissione europea ha pubblicato una relazione sugli aspetti IVA del commercio elettronico.

La relazione ha presentato le seguenti sfide che le imprese devono affrontare per quanto riguarda l'e-commerce:

- il bilanciamento della privacy dei clienti e la fornitura di dati a fini fiscali;

- diverse imposte nazionali e obblighi legali;

- regole IVA internazionali complesse e incoerenti;

- onere di conformità;

- le amministrazioni fiscali non hanno familiarità con i modelli di business; ecc.

L'attuale sportello unico per le forniture di servizi digitali (MOSS) sarà esteso alle vendite a distanza di merci nel 2021.

Il requisito per le società di disporre di più registrazioni IVA sarà evitato, tuttavia richiederà ad altre società di addebitare IVA sulle loro vendite a distanza di merci in base alla territorialità dei loro clienti.

Le attuali soglie nazionali di registrazione per le vendite a distanza di merci nei paesi dell'UE saranno rimosse e verrà applicata una nuova soglia inferiore di 10.000 EUR per le vendite a distanza all'interno dell'UE, al di fuori del paese di origine.

© 2012 consulenza aziendale societaria tributaria - codice fiscale e p. iva 03380670962

follow us BignamiAssociati on Twitter