Prima pagina

NOVITA’ IN MATERIA DI DEDUCIBILITA’ DELLE PERDITE SU CREDITI

E’ stato modificato il criterio generale sulla deducibilità delle perdite su crediti, prevedendo, tra l’altro, la deducibilità delle perdite per crediti di modesta entità decorsi sei mesi dalla data di scadenza di pagamento.

A partire dal periodo d’imposta 2012 sono stati modificati i criteri di deducibilità delle perdite su crediti, da adottare in sede di determinazione del reddito d’impresa. Le nuove regole stabiliscono che tali costi rappresentano un componente negativo di reddito se, in maniera alternativa:

-          risultano da elementi certi e precisi;

-          il debitore è assoggettato a una procedura concorsuale o ha concluso un accordo di ristrutturazione del debito;

-          il credito è di modesta entità e, congiuntamente, è decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento. In questo caso, l’esistenza della perdita su crediti è automaticamente dimostrata e quindi, deducibile dal reddito d’impresa, senza la necessità di fornire ulteriori prove.

 Il credito è considerato di modesta entità qualora non superi i seguenti importi:

-          euro 5.000, per le imprese di più rilevante dimensione, ovvero le imprese che conseguono un volume d’affari o ricavi non inferiori a 100 milioni di euro;

-          euro 2.500 negli altri casi.

© 2012 consulenza aziendale societaria tributaria - codice fiscale e p. iva 03380670962

follow us BignamiAssociati on Twitter